BENESSERE A 365°

Informazioni sul settore Benessere

Alimentazione

Frutta secca eccone alcuni tipi!

Frutta secca

Per frutta secca si intende quella ricoperta da un guscio che viene anche detta “frutta oleosa”. Si tratta infatti di semi edibili racchiusi in un involucro duro non commestibile. Questi alimenti sono raccomandati nella dieta mediterranea come “superfood” grazie alle loro proprietà nutritive. I grassi, le proteine e le fibre di cui sono composti, contrastano i radicali liberi e aiutano il nostro organismo a prevenire malattie cardiovascolari e metaboliche.
Sebbene spesso vengano evitati perché ricchi di calorie, in realtà contengono grassi buoni, gli omega 3 e 6, che vengono processati nel nostro corpo molto più velocemente di una vuota merendina!

Tipologie di frutta secca

Le caratteristiche di ogni singolo frutto ne determinano benefici ed eventualmente danni, come spesso avviene con arachidi e nocciole, capaci di scatenare reazioni allergiche nei soggetti sensibili.

Le proprietà si riferiscono a semi ben conservati senza sali aggiunti.

Provenienza nostrana

Pinoli – semi delle piante di Pino che in Italia vengono coltivati soprattutto in Lazio e Toscana. Contengono moltissime vitamine e minerali come fosforo, calcio, potassio, magnesio, manganese, zinco, ferro e rame. Per questo motivo fanno bene al cuore e riducono il senso di fame, aiutando il dimagrimento nelle diete. E’ meglio evitarli se si soffre di pressione bassa o convulsioni.

Pistacchi – famosi quelli di Bronte, sono uno dei cibi tipici della Sicilia. In questo piccolo frutto si trovano tante vitamine come le B1, B2, B3, B6, C, A ed E. sono quindi ottimi per contrastare l’invecchiamento e ridurre il colesterolo nel sangue.

Nocciole – coltivate in Piemonte, vengono usate per confezionare creme, dolci e gelati. Consumate crude apportano benefici grazie al selenio, elemento importante per chi soffre di problemi alla tiroide. Purtroppo abbondano in allergeni, quindi molte persone sono costrette a evitarle.

Noci – si trovano sia al Nord che al Sud d’Italia, il loro beneficio principale è quello di contenere arginina, una sostanza che mantiene sane le nostre arterie. Vanno consumate con moderazione per via del loro elevato apporto calorico.

Mandorle – di provenienza mediterranea, oltre a tutte le vitamine e minerali degli altri frutti, contengono anche beta-carotene, utile per la crescita. Sono un ottimo rimedio contro l’acidità di stomaco anche se, assunte in grande quantità possono avere effetti lassativi.

Semi di zucca – regolano l’umore grazie al triptofano, che agisce sull’organismo favorendo il sonno e la serenità. Si consiglia di assumerne una manciata al giorno in caso di stress. Sconsigliati per chi soffre di diverticoli.

Semi di girasole – grazie all’acido linoleico prevengono malattie intestinali e aiutano a mantenere sani denti e capelli grazie alla Vitamina D. Ne esistono diverse varietà sul mercato e fortunatamente sono poco calorici: solo 167 calorie per 100 grammi.

frutta secca

Frutta secca: Provenienza esotica

Noci macadamia – di origine americana, sono le più gustose ma anche le più grasse in assoluto. Sono composte da carboidrati, fibre e minerali che aiutano la motilità intestinale.

Noci Pecan – anche queste di provenienza americana, sono utili a prevenire patologie neuro-degenerative. Sono costituite per il loro 75% da olio.

Noci del Brasile – ricchissime di proteine e selenio, aiutano chi soffre di patologie autoimmuni.

Potrai inoltre visualizzare altri prodotti seguendo questo link.